Chat with us, powered by LiveChat

Fatturazione Elettronica: come funzionano Ciclo Attivo e Ciclo Passivo

Fatturazione Elettronica: come funzionano Ciclo Attivo e Ciclo Passivo

La gestione aziendale può essere divisa in due grandi fasi: il ciclo attivo e il ciclo passivo. Sono ugualmente importanti per diversi motivi. Ma vediamo nel dettaglio cosa si intende per ciclo attivo e passivo nella nuova Fatturazione Elettronica.

 

Cos’è il ciclo attivo

In un’azienda con l’espressione ciclo attivo si intendono tutte quelle operazioni che intercorrono con il cliente finale e che determinano un guadagno economico-finanziario. Concretamente, il ciclo attivo comprende tutte le operazioni che permettono di vendere beni o servizi.

 

Ad esempio:

  • Gestione e archiviazione dei dati anagrafici del cliente;
  • Gestione e archiviazione dei documenti – le fatture – che comprovano l’avvenuta vendita di beni/servizi al cliente.

 

Quindi con la nuova Fatturazione Elettronica per ciclo attivo si intende l’emissione della fattura elettronica, nel suo formato digitale XML che viene, tramite il sistema di interscambio (SDI), veicolata all’indirizzo telematico del cliente.

 

 

Cos’è il ciclo passivo

Il ciclo passivo è tutto ciò che viene prima della vendita del bene o servizio ai clienti finali. Infatti, vi rientrano tutti i processi che si instaurano tra l’azienda, i fornitori e il magazzino. Inoltre, se il ciclo attivo determina delle entrate, il ciclo passivo determina invece delle uscite per l’azienda (come il pagamento dei fornitori).

 

Nel ciclo passivo rientrano ad esempio:

  • Gestione dell’anagrafica dei fornitori;
  • Registrazione dei documenti che legano l’azienda ad un fornitore (gli ordini di acquisto).

 

Quindi in Fatturazione Elettronica il ciclo passivo è la ricezione del file XML della fattura elettronica dai propri fornitori che, dopo aver passato il controllo del sistema di interscambio, viene resa disponibile nel proprio indirizzo telematico.

 

 

Le procedure necessarie per la trasmissione delle fatture ai clienti – IL CICLO ATTIVO

 

  • Invio della fattura ESCLUSIVAMENTE in formato XML
  • Verica e controllo XML e dei campi obbligatori
  • Firma e trasmissione della fattura allo SDI (Sistema Di Interscambio) tramite canale accreditato
  • Trasmissione Fattura al Cliente via PEC
  • Ricezione di eventuali notifiche di scarto
  • Ricezione notifica di ricevuta consegna o mancata consegna
  • Conservazione elettronica a norma (obbligatoria 10 anni)

 

Le procedure necessarie per la ricezione delle fatture dai fornitori– IL CICLO PASSIVO

 

  • Ricezione fattura XML dallo SDI
  • Accettazione/rifiuto fatture con inserimento relativa annotazione
  • Esportazione delle fatture in formato XML o PDF
  • Registrazione contabile
  • Conservazione elettronica a norma per 10 anni

 

L’iter si completa, infine, con la Conservazione Digitale della fattura elettronica e delle ricevute che ne provano l’emissione, secondo quanto previsto dalle normative, per 10 anni sia da chi le emette che da chi le riceve, il Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate provvederà alla conservazione.

 

Per altre informazioni, contattaci!